NAPLES, THE GATEWAY OF TIME 2021

Se girate per i vicoli ed i quartieri di Napoli, avrete la sensazione che il tempo si sia fermato. Napoli appare come una città senza tempo. I suoi odori, i suoi colori, le voci che si sentono in lontananza sembrano usciti da un film neorealista,arrivati intatti sino a noi. Curzio Malaparte diceva che Napoli “è la più misteriosa città d’Europa, è la sola città del mondo antico che non sia perita come Ilio, come Ninive, come Babilonia. È la sola città del mondo che non è affondata nell’immane naufragio della civiltà antica. Napoli è una Pompei che non è stata mai sepolta. Non è una città: è un mondo. Il mondo antico, precristiano, rimasto intatto alla superficie del mondo moderno”. La città partenopea, con la sua plurimillenaria civiltà, sembra quasi intrappolata in una bolla spazio-temporale. Ma se Napoli fosse, in realtà, una città fuori dal tempo? Non indietro, non avanti, nella percezione umana di un tempo che appare lineare, ma al di sopra del tempo, posta in una piega spazio-tempo che sfugge alle teorie con cui l’uomo ha cercato di spiegare questo fenomeno ancora ignoto che chiamiamo “Tempo”. Vado oltre: se Napoli fosse, in realtà, la “casa del Tempo”, in cui lo stesso rallenta fino ad annullarsi, scenario imperituro, eterno ed incorruttibile di innumerevoli vicende umane? Secondo gli antichi greci, gli Dei vivevano sull’Olimpo ma non Kronos che, per quello che ne sappiamo, potrebbe vivere proprio in una delle tantissime cave di tufo presenti nella città di Parthenope sin dall’antichità…

If you wander through the alleys and neighborhoods of Naples, you will feel as if time had stopped . Its smells, its colors, the voices that can be heard in the distance seem to have come out of a neorealist film, arrived intact to us. Curzio Malaparte said that Naples “is the most mysterious city in Europe, it is the only city in the ancient world that has not perished like Ilius, like Nineveh, like Babylon. It is the only city in the world that has not sunk in the terrible shipwreck of ancient civilization. Naples is a Pompeii that has never been buried. It is not a city: it is a world. The ancient world, pre-Christian, remained intact at (on?) the surface of the modern world”. The Neapolitan city, with its thousand-year-old civilization, seems almost trapped in a time-space bubble. But what if Naples was, in reality, a city out of time? Not backward, not forward, in the human perception of a time that appears linear, but beyond time, placed in a space-time fold that escapes the theories with which man has tried to explain this still unknown phenomenon that we call “Time”. I go further: what if Naples was, in reality, the “house of Time”, in which the same slows down to cancel itself, imperishable, eternal and incorruptible scenario of countless human events? According to the ancient Greeks, the Gods lived on Olympus but not Kronos who, as far as we know, could live in one of the many tufa quarries, present in the city of Parthenope since ancient times…

Naples, the gateway of time 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *